Utility menu: Versione grafica | Versione testo | Versione alto contrasto | Accessibilità | Riduci carattere (-) | Aumenta carattere (+) | Versione stampabile

Presentazione

L'Unione Italiana dei Ciechi, fondata a Genova il 26 ottobre del 1920, ha per Legge la Rappresentanza e la tutela degli interessi morali e materiali di tutti i non vedenti; oggi essa tutela e rappresenta anche i cittadini ipovedenti, definiti tali ai sensi della Legge 3 aprile 2001, n. 138: ovvero, tutti i cittadini il cui residuo visivo nell'occhio migliore non è superiore a tre decimi con eventuale correzione di lenti.

Relazioni


Relazione Morale anno 1994


        RELAZIONE MORALE E FINANZIARIA SULLE ATTIVITA' SVOLTE NEL 1994


 


              Approvata dall'Assemblea dei Soci il 29 aprile 1995


 


Autorità Sig.  Presidente Nazionale dell'Unione Italiana  Ciechi  Dirigenti


dell'Associazione  cari  Soci gentili Amici L'arco di tempo  oggetto  della


presente  Relazione è  limitato al 2° semestre  del  1994  essendo questo


Consiglio stato eletto l'11 giugno e insediato formalmente il 20 dello stesso mese Poche quindi le iniziative intraprese e realizzate ma molto l'impegno profuso da tutti i Dirigenti della Sezione Considerati i pochi mesi nei  quali abbiamo  di  fatto operato il nostro dire sarà un po’ schematico  e  un  po’ discorsivo  al  fine  di meglio sottolineare alcuni  aspetti  delle  attività sezionali e evidenziarne i risultati conseguiti. Dalla  elencazione  che  segue  non sarà  difficile  constatare  che  abbiamo


operato  e  continuiamo  a  farlo nel solco  già  tracciato  dal  precedente


Consiglio  senza mai attardarci in dichiarazioni di buona volontà e  lodevoli proponimenti  ma  compiendo quegli atti concreti consentiti  dalle  oggettive condizioni della nostra realtà associativa e dal contesto culturale e  sociale nel quale viviamo.


La  nostra  si sa è una delle tante piccole storie di cui  è  intessuta  la


grande Storia dell'umanità e certamente su questa non incide più di  tanto


Ma  quella  ovvero la piccola storia dell'Unione Italiana Ciechi e  delle  sue


articolazioni  territoriali ha inciso profondamente nella vita di migliaia  di


uomini afflitti dal comune denominatore della cecità Prova ne sono le Leggi


per  il collocamento obbligatorio dei centralinisti e  dei  massofisioterapisti


ciechi nonché quelle che hanno sancito il diritto alla pensione per i ciechi


civili privi di reddito e l'indennità di accompagnamento al solo titolo della


minorazione. Leggi conquistate dall'U.I.C. dopo anni di battaglie sacrifici e


non  poche umiliazioni ma che hanno restituito ai ciechi italiani la  dignità


di  essere  "uomini tra gli uomini". Soprattutto grazie al lavoro  infatti  i


ciechi  hanno  ritrovato  fiducia  in se  stessi  e  nelle  proprie  capacita',


riacquistando  il gusto per la vita nelle sue molteplici manifestazioni.  Essi


si sono sposati e formato famiglie» diversi si sono affermati nei campi  della


Cultura (quella con la A maiuscola), della politica e in genere nel sociale.


Ma  molti ciechi troppi hanno la memoria corta e finiscono  per  dimenticare


quando non ignorare del tutto la memoria storica dell'Unione Italiana  Ciechi


alla quale comunque tutti apparteniamo.


Le vicende della nostra Sezione Provinciale certo sono poca cosa nel panorama nazionale e al cospetto dei 75 anni di storia dell'Unione Italiana Ciechi.  Ma


per  quanto  piccole  esse sono frutto di impegno serio  e  quotidiano  senza


risparmio  di  tempo  e di energie convinti come siamo  che  sia  dovere  di


ciascuno contribuire disinteressatamente al miglioramento delle condizioni di


vita di quanti già soffrono le conseguenze e le deprivazioni della minorazione


visiva.


E  allora  sfogliamo insieme il diario della Sezione U.I.C.  di  Foggia  sul


quale è annotato il lavoro da noi svolto da luglio a dicembre del 1994.


Come  detto  questo  Consiglio  si è insediato il 20 giugno  e  sino  al  31


dicembre  ha  tenuto  5  Sedute ordinarie  inclusa  quella  di  insediamento


assumendo  23  Deliberazioni» l'Ufficio di Presidenza si è riunito  11 volte


assumendo 36 Deliberazioni» 15 i nuovi Soci effettivi ammessi.


Nonostante la gran calura della scorsa estate abbiamo lavorato sodo anche  nei


mesi di luglio e settembre perchè i problemi dei ciechi non consentono  pause estive  troppo lunghe. Quale primo atto dopo il nostro  insediamento  abbiamo


fissato  in un programma di lavoro gli obiettivi da conseguire nel  quadriennio 1994/98, nonchè le iniziative da attuare anno per anno.


a  ciascun Consigliere sono stati affidati specifici settori di competenza  in


base  alle  esperienze  già acquisite e  agli  interessi  espressi.  Inoltre


abbiamo  nominato  nostri  Rappresentanti zonali nei  Comuni  di  Bovino  S. Severo  Torremaggiore  Sannicandro Garganico  Cagnano  Varano  Manfredonia


Carapelle Cerignola Margherita di Savoia e Trinitapoli.


Relativamente  al  lavoro  svolto dai nostri  Rappresentanti  Sezionali  presso


Organismi e Enti Pubblici evidenziamo quanto segue:


­ come in passato i nostri due Rappresentanti in seno al Comitato  Provinciale


di  Assistenza  e Beneficenza Pubblica hanno attivamente collaborato  con  gli


uffici  della  Prefettura di Foggia per la definizione  positiva  di  numerosi


provvedimenti a favore di ciechi civili aventi diritto alla pensione e/o  alle


indennità  di  accompagnamento 47 di prima categoria e 134 di seconda  categoria.  Al


riguardo  una  nota  di merito e di sincera gratitudine  per  la  preziosa  e


determinante  collaborazione  esprimiamo al Rag.  Ettore  Erisini  Dipendente


della  Sede Provinciale I.N.P.S. di Foggia per la solerzia e la  tempestività


con le quali fornisce alla Prefettura le informazioni richieste.


Rimaniamo in tema di provvedimenti a favore dei ciechi civili per rendere noto


che  in  data  27/6/94,  abbiamo  designato  l'oculista  Dott.  Marco Leone


rappresentante  dell'Unione  Italiana Ciechi in seno  alla  Commissione  medica


Periferica  per le pensioni di guerra e di invalidità civile in  sostituzione


del  Dott. Cesidio Gentile a tutt'oggi il Ministero del Tesoro non ha  ancora


emesso il relativo Decreto di nomina.


­ Presso l'Ufficio Provinciale del Lavoro e della Massima Occupazione  abbiamo


contribuito  alla  formazione di una nuova graduatoria  dei  Centralinisti  non


vedenti  disoccupati  e ciò ha consentito l'assunzione presso  l'A.N.A.S.  di


Foggia  a  decorrere  dal 1° agosto di una  Centralinista.  Il  blocco  delle


assunzioni  esteso  anche al collocamento obbligatorio purtroppo non  ci  ha


consentito di portare a compimento l'assunzione di altri centralinisti ciechi.


­  Abbiamo  partecipato alle riunioni del Gruppo di  Lavoro  Interistituzionale


Provinciale  costituito  presso  il  Provveditorato  agli  Studi  di   Foggia


contribuendo  alla  elaborazione  di uno schema di  Accordo  di  Programma  tra


Provveditorato  agli  Studi  Unità Sanitarie Locali e  Comuni  per  favorire


l'integrazione scolastica degli studenti in situazione di handicap, così  come


disposto  dalla Legge n. 104, del 1 febbraio 1992. Per quanto consentito  dalle


nostre   magre   finanze  abbiamo  garantito  la  partecipazione   di   nostri


Rappresentanti   ai   Convegni   Nazionali  Seminari  di   Studio   e   altre


manifestazioni organizzati dall'Unione Italiana Ciechi» in particolare al Corso di aggiornamento sulle problematiche educative e socio-riabilitative  dei


ciechi pluriminorati riservato a Insegnanti di sostegno e tenutosi presso  il


Centro Studi "G. Fuca'", di Tirrenia dal 9 all'11 settembre» e  all'Assemblea


Nazionale  dei Quadri Dirigenti svoltasi a Tirrenia il 18¸ settembre»  e  alla


manifestazione  di  protesta in difesa della indennità di  accompagnamento  al


solo  titolo della minorazione svoltasi a Roma il 23 settembre  e  conclusasi


con un'altra grande vittoria dell'Unione italiana Ciechi e dei ciechi italiani» , al Convegno Nazionale sul tema "Ciechi e ipovedenti in una nuova dimensione


degli spazi", svoltosi a Bergamo dal 14 al 16 ottobre» e alla quarta  edizione


del  "Premio L. Braille", svoltasi a Bologna il 31 ottobre» f) al  2°  Convegno


Nazionale  dell'Unione  Nazionale  Italiana Volontari pro  Ciechi  svoltosi  a


Tirrenia  nei  giorni 26 e 27 novembre», al Convegno Nazionale  sul  tema  "i ciechi  e la radio", svoltosi a Catania nei giorni 9 e 10  dicembre.  Numerosi


poi gli incontri con Amministratori Pubblici e le riunioni tra le Associazioni


di Foggia alle quali abbiamo sempre partecipato.


Con  qualche  ulteriore sforzo finanziario grazie anche al sostegno  di  molti


Soci e privati cittadini abbiamo dotato la nostra Sede di una stampante laser,


onde migliorare anche l'aspetto estetico delle comunicazioni all'esterno e  di


uno scanner, per l'archiviazione informatica dei documenti.


Nel  1991,  l'Unione  Italiana  Ciechi ha dato  vita  a  due  nuovi  organismiº


l'I.Ri.Fo.R.  (Istituto  per la Ricerca la Formazione e la  Riabilitazione  e


l'U.N.I.Vo.C.  (Unione Nazionale Italiana Volontari pro Ciechi),  definiti  dal


Prof. Tommaso Daniele Presidente Nazionale dell'Associazione "le gambe con le


quali l'Unione Italiana Ciechi camminerà verso il Duemila".


ŠL'I.Ri.Fo.R.,  che  ha  per scopi la ricerca  scientifica  la  sperimentazione


metodologica   e   didattica   l'organizzazione  di   Corsi   di   formazione


aggiornamento  e  addestramento  conta  ormai  numerose  Sedi  Provinciali  e


Regionali. Anche la nostra Sezione U.I.C. non ha voluto essere da meno e nella


Seduta Consiliare del 15 luglio 1994, abbiamo costituito la Sezione Provinciale


di Foggia dell'Istituto per la Ricerca la Formazione e la Riabilitazione.


Per  il tramite dell'I.Ri.Fo.R., che ribadiamo essere un  Organismo  operativo


diretta emanazione dell'Unione Italiana Ciechi è stato organizzato e  svolto


nella   Sede  U.I.C.  di  Foggia  dal  primo  ottobre  al  due  novembre  e   in


collaborazione   con   la   Sede  Regionale  dell'I.Ri.Fo.R.,   un   Corso   di


alfabetizzazione informatica e di addestramento all'uso del computer. Il Corso


della  durata di 80 ore è stato frequentato da 8 non vedenti della  provincia


di  Foggia  i  quali  hanno così potuto conoscere  e  apprendere  l'uso  del


personal computer, mediante la sintesi vocale o la riga Braille.


Nella  riunione  del  26  ottobre il  Consiglio  di  Amministrazione  Centrale


dell'Istituto   su  conforme  parere  del  Comitato  tecnico-scientifico   ha


approvato e finanziato il Progetto presentato dalla nostra Sede I.Ri.Fo.R., per


un  Corso di ambientamento e comunicazione il Corso della durata di 120  ore


ha  avuto  inizio  il 5 aprile di quest'anno e è  frequentato  da  8  ciechi


desiderosi  di migliorare la propria lettura e scrittura Braille» di  conoscere


e imparare a usare i molti sussidi tiflotecnici» di imparare la dattilografia


e la scrittura comune in corsivo.


Con pari entusiasmo e slancio abbiamo dato vita in Foggia all'altra creatura


dell'Unione Italiana Ciechi l'U.N.I.Vo.C. (Unione Nazionale Italiana Volontari


pro  Ciechi), per offrire ai nostri Associati un servizio di accompagnamento  e


di lettura a domicilio mediante la preziosa disponibilità dei volontari.


Nella  Seduta  Consiliare  del  26 settembre  su  proposta  della  Presidenza


Nazionale   dell'U.I.C.  e  della  Biblioteca  Italiana  per   Ciechi   "Regina


Margherita",  di  Monza  abbiamo  costituito  anche  la  biblioteca  sezionale


multimediale  intitolata  alla  memoria  di Gian Giuseppe  di  Biase  la  cui


famiglia è da tempo sostenitrice della Sezione U.I.C. di Foggia. La biblioteca


multimediale che allo stato attuale già dispone di un discreto patrimonio  di


testi in Braille di un computer e di uno scanner, presto sarà dotata anche di


una stampante Braille.


Per  quanto attiene agli interventi socio-assistenziali del Comune di  Foggia  e


della   Amministrazione   Provinciale   dobbiamo  rilevare   che   la  


 Civica Amministrazione al di là degli apprezzabili intendimenti più volte espressi


dal Sindaco Chirolli nulla ha fatto per i cittadini minorati della vista  anzi


da  alcuni anni non viene più erogato quel modestissimo contributo di  lire  due


milioni  per il funzionamento della Sede U.I.C. di Foggia. Più volte  abbiamo


ribadito  al primo Cittadino la opportunità di installare anche nella  nostra


città alcuni semafori sonori espressamente previsti dalla Legge 104/92, e  di


grande utilità per tutti e non solo per i ciechi.


Il  nostro  augurio è che i nuovi Amministratori prestino  veramente  maggiore


attenzione ai problemi dei cittadini socialmente più deboli perche', a nostro


avviso  è  dalle  condizioni  di vita di  questi  e  dalle  opportunità  di


partecipazione  offerte  loro  che  si  misura il  grado  di  civiltà  di  una


comunita'.


Con l'Amministrazione Provinciale i rapporti sono sempre stati assai  proficui»


ma  con lo scioglimento anticipato del Consiglio e la conseguente  nomina  del


Commissario  Straordinario essi hanno subito una battuta d'arresto con  grave


nocumento  per l'assistenza educativa agli studenti non vedenti.  Le  pressanti


richieste  da  noi rivolte al Commissario di Governo  affinchè  le  attività


integrative  extrascolastiche domiciliari a favore degli studenti non  vedenti


frequentanti  le scuole comuni della provincia di Foggia avessero  inizio  con


l'anno scolastico 1994/95, sono state del tutto disattese così come la nostra


proposta  per la stipula di un Protocollo d'intesa tra Unione Italiana  Ciechi


e Amministrazione Provinciale per la programmazione e il coordinamento degli


interventi  a  sostegno della integrazione scolastica e  sociale  dei  minorati


della vista.


Con  la  elezione  della  nuova Giunta Provinciale  avvenuta  in  dicembre  i


rapporti sono tornati a essere caratterizzati dalla comune volontà di operare


nell'unico  e  superiore interesse della educazione e  istruzione  dei  nostri


ragazzi.  Alla  Dott.ssa Valeria Galante De Trino Assessore  Provinciale  alla


Pubblica  Istruzione e alla Sicurezza Sociale la nostra gratitudine per  aver


comunque   garantito  l'avvio  delle  attività  integrative   extrascolastiche


domiciliari  seppure  dal 2 marzo scorso e per 1 ore settimanali  a  ciascuno


studente.


Sul fronte dell'autofinanziamento non abbiamo lasciato nulla di intentato e i


risultati  ci  sono  di conforto Al 20 giugno 1994, data  di  insediamento  di


questo Consiglio  il saldo di cassa presso l'Istituto cassiere "Monte dei Paschi  di


Siena", Filiale di Foggia era di L. 34.338.764. Le diverse iniziative  attuate


dal  20  giugno  al 31 dicembre hanno fruttato entrate per  L.  76.733.000,  a


fronte di un totale delle uscite (ivi comprese le spese per il personale e  per


l'ordinaria amministrazione di L. 68.165.720 una differenza positiva quindi


di  L.  8.567.280. Ma vediamo in dettaglio le entrate  realizzate.  La  massima


parte costituito dai contributi di funzionamento erogati da Enti Pubblici  L.


51.544.000»  L. 2.870.00  per quote sociali» inoltre i nostri  Associati  hanno


versato  contributi  aggiuntivi per un totale di L. 7.244.000. Da  ciechi  non


iscritti  amici e Soci Sostenitori abbiamo ricevuto contributi per un  totale


di L. 2.540.000» lotterie e iniziative varie ci hanno garantito un introito di


L.  12.535.000,  a fronte di una spesa complessiva di L.  2.568.200.  Saldo  di


cassa  al 31/12/94 L. 49.185.894. Qualche anno fa su commissione  dell'Unione


Italiana  Ciechi la Doxa condusse un'inchiesta tra i vedenti per  verificare


quale  e  quanta  conoscenza questi avessero dei non  vedenti  e  delle  loro


problematiche.   Emersero  dati  assai  interessanti  sopratutto  una   scarsa


conoscenza  e  frequentazione  dei  ciechi con  il  conseguente  permanere  di


pregiudizi e distorte concezioni. Nell'intento di diffondere una più  corretta


informazione  sui minorati della vista e sulle loro problematiche nel mese  di


novembre  abbiamo  tenuto  una Mostra dei principali  sussidi  tiflotecnici  e informatici in tre scuole di Foggia presso la Scuola Elementare "L. Tempesta e  presso  le Scuole Medie "U. Foscolo e "N. Zingarelli". Più  di  1.000 gli studenti  che hanno visitato la Mostra e che hanno per la prima volta visto  e


toccato  gli  strumenti  che i privi della vista usano per  studiare.  a  tutti


abbiamo consegnato opuscoli contenenti utili suggerimenti su come proteggere  i


propri  occhi e come aiutare una persona che non vede nei piccoli  atti  della vita quotidiana.


Il  1994  si  è  concluso con la 36 Giornata  Nazionale  del  Cieco  da  noi


celebrata il 1° dicembre nel cineteatro "Cicolella", di Foggia. Ricordiamo con


particolare  emozione quella iniziativa pubblicizzata con manifesti e  servizi


delle emittenti radiotelevisive locali che ringraziamo sempre per l'attenzione


che  ci riservano In sala c'era tanta gente e sul palco si  alternavano  alla


brava presentatrice i Maestri non vedenti Franco De Feo e Marcello Indelicato


alle  tastiere  i  quali hanno suonato in duo con i  Maestri  vedenti  Roberto


Roggia  al  violino e Gabriele Mendolicchio all'oboe. E poi  sul  palco  è


salito il Presidente del Consiglio Regionale dell'Unione Italiana Ciechi  Sig.


Antonio Maggiore per consegnare a Nunzia Capocchiano studentessa non  vedente


di  Foggia  il  primo premio del Concorso regionale  di  lettura  e  scrittura


Braille.  Il nostro Presidente Provinciale invece ha provveduto a  consegnare


le tre borse di studio ai vincitori del Concorso indetto dalla Sezione  U.I.C.


di  Foggia  e divulgato con apposita Circolare del  Provveditore  agli  Studi


nelle  scuole  di ogni ordine e grado della provincia di Foggia.  Al  Concorso differenziato  nei  tre ordini di scuola hanno partecipato  213 alunni  della Scuola  Elementare  14  della Scuola Media Inferiore e 7 della  Scuola  Media


Superiore.  Nel corso della manifestazione inoltre abbiamo consegnato  n.  27


tessere  di  Socio Sostenitore anno 1994 e la celebrazione della  36  Giornata


Nazionale  del  Cieco si è conclusa con l'estrazione dei biglietti  della  "seconda Lotteria Louis Braille".


Carissimi  Soci prima di affidare al Vostro giudizio il lavoro da  noi  svolto nel '94, consentiteci di esprimere alla Presidenza Nazionale e alla  Direzione


Nazionale  dell'Unione  Italiana Ciechi la nostra gratitudine per  il  sostegno


economico  più  volte dato alla Sezione di Foggia in momenti  di  particolari


difficoltà  Grazie  al Prof. Zito per la convinzione e la  tenacia  con  le


quali  in  Direzione Nazionale è sostenitore delle nostre richieste.  E  un


grazie  al  Presidente Regionale Antonio Maggiore  sincero  estimatore  delle


attività  della Sezione U.I.C. di Foggia. Un pensiero di  particolare  affetto


desideriamo rivolgere agli amici vedenti che con noi collaborano e lavorano  e


che sovente determinano il successo delle nostre iniziative.


Sentiamo  già le ben note parole del Presidente Nazionale "Bene ragazzi” ma


qui  si  pur  e si deve fare sempre meglio!". Certo Presidente  guai  se  ci


accontentassimo del poco che abbiamo. Ci hai insegnato a gettare il cuore oltre


gli ostacoli e andare sempre più avanti. E la Sezione di Foggia andrà  sempre


più avanti.


Grazie!


 


 


                                                                       Per il Consiglio Sezionale


                                                                              Il Presidente


                                                                           (Dr. Michele Corcio)


(Inserito il 16-05-1994)
«- Precedente    Successiva