Utility menu: Versione grafica | Versione testo | Versione alto contrasto | Accessibilità | Riduci carattere (-) | Aumenta carattere (+) | Versione stampabile

Presentazione

L'Unione Italiana dei Ciechi, fondata a Genova il 26 ottobre del 1920, ha per Legge la Rappresentanza e la tutela degli interessi morali e materiali di tutti i non vedenti; oggi essa tutela e rappresenta anche i cittadini ipovedenti, definiti tali ai sensi della Legge 3 aprile 2001, n. 138: ovvero, tutti i cittadini il cui residuo visivo nell'occhio migliore non è superiore a tre decimi con eventuale correzione di lenti.

Relazioni


RELAZIONE morale ANNO 2012


RELAZIONE MORALE ATTIVITA' ANNO 2012


 


Autorità, Dirigenti dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, carissimi Soci ed Amici!


Anche per la nostra Associazione, così come per l’intero nostro Paese, il 2012 è stato un anno piuttosto travagliato e denso di preoccupazioni. Ne siamo usciti? Questo primo quadrimestre del 2013 sembra dirci di no, tanto più che il quadro politico, economico e sociale si è notevolmente aggravato. Tre questioni, fondamentalmente, ci hanno tenuti con il fiato sospeso.


Abbiamo fortemente temuto per i nostri diritti, così faticosamente conquistati in anni di dure lotte ed immensi sacrifici: in primis, sull’onda dei falsi invalidi e falsi ciechi, per l’indennità di accompagnamento al solo titolo della minorazione. Diversi sono stati i momenti di discussione associativa in merito all’ormai famoso Disegno di Legge n. 4566, presentato nel 2011 dal Governo Berlusconi, per la riforma dell’assistenza ed in particolare per ridefinire i criteri per il riconoscimento dell’indennità di accompagnamento. Già il Consiglio Nazionale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, nella Seduta straordinaria del 1° settembre 2011, aveva espresso totale contrarietà e richiesto, insieme alle altre Associazioni di disabili, il ritiro del D.d.L.. A seguito di diverse iniziative, alcuni esponenti del Governo Monti dichiararono di voler riconsiderare il contenuto del Disegno di Legge n. 4566, pur permanendo la necessità di lottare contro il fenomeno dei falsi invalidi, senza per questo ledere i diritti dei veri disabili. Ma i ciechi italiani erano fermamente convinti della opportunità di confluire a Roma il 14 marzo e manifestare la propria protesta, con o senza le altre Associazioni: manifestazione poi rinviata, in presenza di comunicati stampa da parte del Ministro per il Welfar. Anche la manifestazione di protesta programmata per il successivo 23 maggio non ha avuto luogo, perché il Governo aveva smentito le affermazioni di alcuni quotidiani, in merito all’assoggettamento a reddito dell’indennità di accompagnamento; infatti, con la Circolare n. 160/2012, la Presidenza Nazionale U.I.C.I. ha trasmesso la bozza del Decreto che conferma l’indennità di accompagnamento al solo titolo della minorazione, ma prevede che questa costituisca reddito per la concessione di Servizi assistenziali o agevolazioni.


La seconda ragione che ci ha tenuti tutti con il fiato sospeso, è stato l’avvio della procedura di commissariamento da parte del Ministero dell’Interno, avendo la nostra Unione chiuso in disavanzo i Bilanci 2009 e 2010; una specifica norma, infatti, prevede che, quando una Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale chiude in Bilancio finanziario in disavanzo per due anni di seguito, i suoi Organi vengono dichiarati decaduti e la gestione assunta da un Commissario nazionale. Nei giorni 20 e 21 aprile 2012, il Consiglio Nazionale U.I.C.I. ha dedicato particolare attenzione all’argomento e l’approfondita discussione si è conclusa con l’approvazione di un Ordine del Giorno, trasmesso alle competenti Autorità ed alle strutture U.I.C.I. con Circolare n. 116 del 27/04/2012. Il tutto si è poi concluso positivamente, avendo il Ministero riconosciuta la fondatezza delle argomentazioni p’rodotte dall’Unione e sulla scorta di un parere negativo sull’avvio della procedura di commissariamento, da parte del Ministero dell’Economia.


A completare le nostre preoccupazioni sulla esistenza in vita dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, i Decreti di azzeramento di tutti i contributi di funzionamento, per ridurre i costi della spesa pubblica: insomma, arginare gli sprechi della politica, togliendo l’ossigeno all’associazionismo e (nel nostro caso specifico) soffocando l’Associazione che i ciechi d’Italia hanno costituito sin dal 1920. Anche su questo fronte, grazie solo alla caparbietà e determinazione dei Dirigenti centrali e periferici dell’Unione, è stato possibile contenere il disastro, ottenendo il parziale ripristino dei finanziamenti, con la Legge di assestamento del Bilancio statale 2012 e con la Legge di stabilità (Legge Finanziaria 2013).


 


Se quello appena accennato è stato nel 2012 lo scenario nazionale, ciò non ha mancato di avere concrete conseguenze a cascata su tutte le attività e sulle stesse strutture periferiche. Anche la nostra Sezione ha risentito dei mancati contributi di funzionamento da parte dell’Ente Provincia e di quasi tutti i Comuni: lodevole eccezione continua ad essere il Comune di Manfredonia. Per fronteggiare la critica situazione, il Consiglio Sezionale ha dovuto deliberare alcune economie di spesa ed alcune iniziative di raccolta fondi, quali una nuova lotteria provinciale della solidarietà. Ma una forte preoccupazione è venuta proprio dagli uffici del Comune di Foggia, con raccomandata del 30 maggio 2012, a firma del Dirigente dell’Assessorato “Contratti e Appalti” del Comune di Foggia, l’invito a lasciare entro il 10 giugno i locali di V.le Candelaro, concessi in comodato d’uso nel dicembre del 2005. Il giorno dopo, nel corso di un urgente incontro, lo stesso Dirigente ha chiarito che vigenti disposizioni di Legge non consentono più ai Comuni di concedere locali in comodato gratuito e che, quindi, la Giunta Comunale dovrà definire gli importi delle locazioni. Con lettera Prot. n. 477 del 31 maggio 2012, sono state da noi evidenziate al Sindaco di Foggia le diverse attività che si svolgono nei locali di V.le Candelaro, a favore della integrazione scolastica e sociale dei ciechi e degli ipovedenti; la lettera si conclude con l’espressa volontà della Sezione U.I.C.I. di Foggia di collaborare con la Civica Amministrazione per individuare una idonea soluzione, onde permettere il prosieguo delle attività del Centro Provinciale di Servizi “G. Quinio”. Anche in questo caso, la capacità argomentativa e la stima di cui gode la Sezione U.I.C.I. di Foggia, hanno permesso di bloccare il tutto ed il Sindaco ha dato ampie assicurazioni, tant’è che continuiamo a svolgere regolarmente le nostre attività in questi locali.


Tuttavia, anche nel 2012 non sono mancate alcune note positive, tra le quali segnaliamo: il rinnovo della convenzione tra la Provincia di Foggia e la nostra Sezione, per l’organizzazione e la gestione di interventi e Servizi a favore dei minorati della vista; la convenzione con il Patronato A.N.M.I.L., per la istruttoria di pratiche pensionistiche per minorati della vista e non solo; la grande partecipazione di pubblico e di rappresentanti istituzionali alla celebrazione del 92° anniversario di fondazione dell’Unione Italiana dei Ciechi, svoltasi il 26 ottobre nel Teatro del Fuoco, di Foggia; il collocamento al lavoro di nostri giovani Centralinisti. Ma ripercorriamo insieme tutte le attività sezionali dello scorso anno.


 


 


- ORGANIZZAZIONE –


1) Nel corso del 2012, il Consiglio Sezionale si è riunito 9 volte (due delle quali in Seduta straordinaria), assumendo complessivamente 41 Deliberazioni; l'Ufficio di Presidenza si è riunito 14 volte ed ha assunto complessivamente 55 Deliberazioni, tutte regolarmente ratificate dal Consiglio Sezionale.


2) Sono stati ammessi 35 nuovi Soci e 650 Iscritti hanno rinnovato la tessera associativa. E’ stata smaltita una corrispondenza pari a 1163 lettere ed una attività amministrativo-contabile di 690 movimentazioni.


3) Abbiamo più volte incontrato i diversi Pubblici Amministratori (in primis il Presidente dell’Ente Provincia ed il Sindaco di Foggia), i quali hanno sempre espresso sincero apprezzamento per le molteplici attività della Sezione U.I.C.I. di Foggia; a tali incontri, hanno sovente preso parte Consiglieri Sezionali e genitori di nostri ragazzi.


4) Intenso è stato il rapporto con i mass media, con numerose interviste rilasciate ad Organi di stampa ed Emittenti radiotelevisive locali.


5) Nel 2012, così come previsto all’Art. 39 del nuovo Statuto dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, abbiamo tenuto una sola Assemblea Provinciale dei Soci, svoltasi in Foggia il 14 aprile e nel corso della quale sono stati esaminati, dibattuti ed approvati i documenti relativi alle attività svolte nel 2011 e a quelle programmate per il 2013.


6) Ritenendo fondamentale informare i Soci sulle diverse attività sezionali, abbiamo inviato loro diverse comunicazioni, ancora in gran parte a mezzo posta cartacea, perché solo una piccolissima percentuale di non vedenti utilizza le tecnologie informatiche e la posta elettronica. Cogliamo l’occasione, per sollecitare soprattutto i più giovani a frequentare Corsi di alfabetizzazione informatica e a non sottovalutare le grandi potenzialità delle nuove tecnologie per l’autonomia nello studio e nella vita di relazione; tra l’altro, la posta elettronica consente di avere informazioni in tempo reale e permette non trascurabili risparmi di spese postali. A tutti gli Iscritti, inoltre, in occasione del loro compleanno, abbiamo ritenuto opportuno non inviare il tradizionale bigliettino, ma fare gli auguri a viva voce: un’iniziativa, questa, assai apprezzata.


7) Il nostro sito Internet www.uicifoggia.it viene costantemente aggiornato da un Collaboratore informatico e nel 2012 ha registrato complessivamente 13.593 visite (9678 visitatori diversi);pagine consultate, 39.975; accessi 151.616. I picchi di visite e di accessi corrispondono ai mesi di ottobre e novembre (estrazione lotteria ed inizio attività extrascolastiche).


8) Con l'autovettura sezionale, cogestita con la Sezione Provinciale di Foggia dell’Unione Nazionale Italiana Volontari pro Ciechi, sono stati assicurati gran parte degli accompagnamenti richiesti: per la frequenza del Centro diurno da parte dei ciechi e ipovedenti pluriminorati adulti; per i Soci partecipanti alle diverse attività sezionali o agli specifici Progetti U.N.I.Vo.C., nonché per i Dirigenti sezionali nell’espletamento delle loro funzioni associative.


9) Dirigenti sezionali hanno partecipato alle Assembleee Nazionali e Regionale dei Quadri Dirigenti U.I.C.I.: il 28 marzo a quella on line, nel corso della quale sono stati esaminati argomenti relativi alla difesa dell’indennità di accompagnamento, per individuare nuove professioni per i ciechi, agli standard minimi dei Servizi, ad una campagna Soci sostenitori, alla costituzione di una struttura regionale e provinciale per l'autofinanziamento, al reperimento di nuovi Soci. Nostri Dirigenti sezionali, altresì, hanno partecipato alla Assemblea Nazionale svoltasi a Tirrenia (Pisa) il 19 e 20 ottobre, nonché a quella Regionale svoltasi in Bari il 20 novembre; in quest’ultima, sono state discusse le problematiche relative all’accorpamento delle Province ed alla conseguente riorganizzazione delle Sezioni U.I.C.I.; inoltre, sono state avanzate diverse ipotesi, qualora effettivamente le attuali competenze delle Province in materia di assistenza scolastica ed extrascolastica per i disabili sensoriali dovesse passare alla Regione o agli ambiti territoriali.


10) Come è noto, da un paio d’anni, anche presso la nostra Sezione è stato attivato il Servizio di down load degli audiolibri: seppure con dati ancora minimi, il Servizio comincia ad essere conosciuto ed utilizzato. Ricordiamo che gli interessati possono farne richiesta gratuita al nostro Collaboratore informatico.


11) Come scritto nella parte introduttiva di questa Relazione, per far fronte alle notevoli difficoltà finanziarie, il Consiglio Sezionale si è visto costretto ad organizzare, dopo sei anni, una nuova lotteria provinciale della solidarietà, denominata “Andare… oltre”. I risultati conseguiti sono stati senz’altro lusinghieri, perché, dei 25.000 biglietti stampati, ne sono stati venduti n. 21.657 per l’incasso complessivo di € 43.314: le spese di organizzazione, acquisto premi e svolgimento della lotteria, sono state complessivamente di circa 13.000 euro.


12) Il 13 febbraio, negli uffici dell’Assessorato Provinciale alle Politiche Sociali, è stato firmato il Protocollo d’Intesa tra i diversi Enti che si occupano di integrazione scolastica dei disabili: Provincia, Ufficio Scolastico Provinciale, Ambiti Territoriali, Azienda Sanitaria Locale e le Associazioni Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti e AS.SO.RI.. Il Protocollo definisce i compiti degli Enti, rispetto all’Educatore Assistente alla comunicazione, non sostitutivo dell’Insegnante di sostegno.


13) Il 21 febbraio, presso diverse scuole della provincia di Foggia, è stata celebrata la Quinta Giornata Nazionale del Braille, con illustrazione del codice Braille e brevi esercitazioni pratiche con gli alunni. Ricordiamo che la Giornata Nazionale del Braille, fortemente voluta dall’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, è stata istituita con la Legge n. 126 del 2007 per confermare l’insostituibilità del sistema di lettura e scrittura tattile, ancora tutt'oggi indispensabile per l'autonomia dei ciechi, anche in presenza delle tecnologie informatiche; inoltre, la Giornata Nazionale del Braille è stata dichiarata solennità civile dal Presidente della Repubblica.


14) Il 28 settembre, nei locali sezionali, si è svolta la selezione provinciale del Concorso di lettura Braille, indetto dalla Biblioteca Italiana per i Ciechi “Regina Margherita”, di Monza; sono stati ammessi alla selezione regionale: Riccardi Leonardo, 4° anno della scuola primaria; D’Andrea Alessandra, 1° anno scuola media secondaria di 1° grado; Cota Michela, 2° anno scuola media secondaria di 2° grado; Curci Gaetano, per la sessione ultradiciottenni.


15) Il 26 ottobre, in Foggia, presso il Teatro del Fuoco, abbiamo celebrato il 92° anniversario di fondazione dell’Unione Italiana dei Ciechi, unitamente alla estrazione dei dieci biglietti vincenti della lotteria provinciale della solidarietà “Andare…Oltre”. La serata è risultata assai gradita ed il numerosissimo pubblico (forse 400 persone) ha sottolineato con sonori applausi i momenti più significativi ed i diversi momenti musicali, con la partecipazione gratuita della giovane “Orchestra dei Cinque Reali Siti”, de “I Filomusici”, del “Trio Astor Piazzolla” e del complesso “Terra e fuoco”; anche tre studenti non vedenti hanno dato un apprezzato saggio della loro preparazione pianistica. All’intera manifestazione hanno presenziato diversi   Rappresentanti delle Istituzioni, tra i quali il Rappresentante del Prefetto, il Presidente della Provincia ed il Sindaco di Foggia.


16) Il 29 ottobre abbiamo sottoscritto la convenzione con l’Ufficio    Esecuzione   Penale   Esterna, di Foggia – Ministero di Grazia e Giustizia,  così come da Deliberazione del Consiglio Sezionale n.29 del 24/09/2012. Tale convenzione prevede che vengano impegnati in attività associative, per due ore alla settimana, non più di due persone affidate all’Ufficio Esecuzione Penale Esterna, per il completamento della pena.


17) Il 3 dicembre, nei nostri locali sezionali, abbiamo sottoscritto la convenzione con il Patronato A.N.M.I.L. di Foggia, per offrire ai nostri Soci un ulteriore importante Servizio e potrebbe nel tempo costituire anche una notevole fonte di autofinanziamento. In particolare, la convenzione prevede che presso la Sezione U.I.C.I. di Foggia si possano svolgere, con l’assistenza del Patronato I.N.A.I.L., i seguenti Servizi: compilazione della dichiarazione dei redditi Mod. 730 per persone fisiche a titolo gratuito se eseguita presso la sede della Sezione Provinciale; compilazione della dichiarazione dei redditi Mod. 730 e del Modello UNICO per persone fisiche a tariffe convenzionate presso le sedi periferiche ANMIL; raccolta, controllo, elaborazione e invio al Ministero delle Finanze dei modelli fiscali già compilati da parte degli interessati.


 


 


- SEGRETARIATO SOCIALE -


         Il Servizio di Segretariato Sociale attivato dalla Sezione U.I.C.I di Foggia coordinato dal Responsabile Vice-Presidente Egidio Maggio in collaborazione con l’Assistente Sociale Silvana Rita Mariella, dal 1° gennaio al 31 dicembre 2012, ha svolto le sue molteplici attività ottenendo il conseguimento degli obiettivi prefissati e di seguito, riportati.


1.     Si è provveduto all’aggiornamento informatizzato dell’anagrafico Soci, seguendo le direttive della Presidenza Nazionale dell’U.I.C.I e all’aggiornamento delle relative schede anche in formato cartaceo. Al 1° gennaio 2012 i Soci iscritti erano 732 a questi si sono aggiunti nel corso dell’anno n. 35 nuove iscrizioni e ne sono da detrarre 40 soci deceduti. Al 31 dicembre 2012 i Soci iscritti sono 725 dei quali 650 in regola con il tesseramento 2012 (325 con delega Inps e 325 con pagamento diretto della quota associativa).


Sono state effettuate, nel corso dell’anno, n. 35 nuove iscrizioni, acquisite n. 20 deleghe delle quali 10 sono state consegnate all’INPS per pratiche di pensioni liquidate nel 2012 e da acquisire a gennaio 2013.


Si è provveduto a dare assistenza a tutti i Soci e non Soci, per l’istruzione delle pratiche: per il riconoscimento delle provvidenze economiche previste dalle vigenti disposizioni di Legge istruendo n. 45 istanze di riconoscimento, di aggravamento e per le agevolazioni di cui alla Legge n. 104/1992, n.20 autocertificazioni reddittuali all’INPS, finalizzate all’ottenimento delle provvidenze economiche previste dalle vigenti disposizioni di Legge; diverse istanze di richiesta tessera SITA, ACAPT e Ferrovie del Gargano per la circolazione agevolata L.R.18/02.


Per tutto l’anno 2012 è stato attivo lo sportello on-line con l’INPS per l’invio delle domande per il riconoscimento di cecità, invalidità civile e legge 104 e si è continuato a dare risposte alle numerose richieste di informazioni ai Soci.


E’ stato aggiornato l’archivio legislativo informatico in favore dei disabili con tutta la normativa vigente . 


In riferimento alla Legge n. 138/2001 (classificazione e quantificazione delle minorazioni visive e norme in materia di accertamenti oculistici) si è continuato ad informare gli oculisti, della nostra provincia, di tale legge, sia verbalmente che in formato cartaceo.


E’ stata offerta adeguata consulenza inerente il campo assistenziale a tutte le persone cieche e ipovedenti, iscritte e non iscritte, residenti nei comuni della provincia di Foggia sia telefonicamente che con visite domiciliari. Si è deciso, altresì, di contattare telefonicamente i Soci, in prossimità della ricorrenza del loro compleanno, iniziativa, questa, che è molto gratificante e che rafforza il loro rapporto con l’Ente. Inoltre , innumerevoli sono stati gli interventi: presso i Comuni, l’INPS, la Commissione Provinciale per l’accertamento delle minorazioni visive, la Commissione Medica di Verifica, l’ATAF, la SITA, le Ferrovie del Gargano, l’ACAPT, l’ACI sia per sollecitare l’iter burocratico delle diverse pratiche sia per risolvere quelle situazioni di particolare complessità.


 


 


- SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO -


Il Servizio, coordinato dal Vice Presidente Sezionale Prof. Egidio Maggio, nel 2012 si è fatto carico (fino al 30 aprile) della gestione complessiva di 5 volontari che, previa adeguata formazione, sono stati assegnati ad utenti non vedenti beneficiari di servizi previsti dal Progetto “Per Vivere Meglio 7” per l’accompagnamento ad personam ex art.40 Legge n. 289/2002.


Il Coordinatore, inoltre, ha provveduto:


- alla elaborazione e alla presentazione di 1 Progetto per volontari in Sede, ed un altro per l’accompagnamento ad personam ex art.40 L. 289/2002 che è in via di attuazione;


- agli adempimenti burocratici previsti dalle Circolari emanate dall'Ufficio Nazionale per il Servizio Civile. Questi hanno riguardato: il controllo delle presenze; l'acquisizione delle richieste di permesso e certificati medici; la somministrazione ai volontari di questionari per l’attività ordinaria di monitoraggio.


 


 


-CENTRO PROVINCIALE DI SERVIZI PER CIECHI E IPOVEDENTI “G. QUINIO”  


Come già riferito nella Relazione sulle attività sezionali svolte nel 2011, con le Deliberazioni n. 4 del 24 gennaio e n. 22 del 20 giugno 2011, il Consiglio Sezionale, ai sensi dell’Art. 43 dello Statuto Sociale e del Regolamento Generale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, ha istituito in Bilancio la contabilità speciale per il Centro e lo ha dotato di un Regolamento per l’organizzazione e la gestione dei seguenti Servizi: a) attività integrative speciali in età scolare e pre-scolare; b) attività per il recupero sociale dei ciechi ed ipovedenti pluriminorati adulti; c) di supporto tiflo-psico-pedagogico; d) trascrizioni in Braille o a caratteri ingranditi dei testi scolastici; e) registrazione, su supporto magnetico o su supporto informatico, di testi scolastici e di interesse vario; f) altri interventi e Servizi finalizzati all’istruzione, all’educazione, alla formazione ed alla riabilitazione dei disabili visivi della provincia di Foggia, finanziati da Enti Pubblici o da privati. Consideriamo ora le attività svolte nel 2012.


 


1)                    Attività integrative extrascolastiche. – Nel 2012, finanziate dall’Ente Provincia, le attività hanno interessato circa 80 disabili visivi in età scolare e pre-scolare, dal 16 gennaio al 26 maggio e dal 2 novembre al 21 dicembre. L’esperienza, sia pure con le immancabili difficoltà iniziali, è stata complessivamente assai positiva ed alcuni elementi progettuali innovativi hanno determinato alcuni cambiamenti. Per l’erogazione dei Servizi, la Sezione U.I.C.I. di Foggia ha incaricato con Contratto a Progetto tutti gli Educatori tiflologici inseriti nell’apposita graduatoria predisposta dal Servizio Politiche Sociali della Provincia di Foggia: circa 80 contratti, per circa 30.000 ore di attività complessive. La gran parte dei contrattualizzati ha periodicamente trasmesso una Relazione sulle attività svolte ed il prospetto delle presenze presso il domicilio dei fruitori.


Come è noto, il processo di integrazione scolastica dei minorati della vista è quotidianamente costellato di mille ostacoli e sempre più si manifesta per essi la necessità di insegnamenti personalizzati per l'apprendimento di sussidi specifici. Per l’aggiornamento monotematico dei nostri Educatori tiflologici, nonché di Insegnanti curriculari e di sostegno, quindi, sono stati organizzati ed effettuati i Seminari indicati al successivo paragrafo “Formazione ed aggiornamento” ed ai quali hanno preso parte, gratuitamente, anche diversi genitori.


Da gennaio a giugno e da ottobre a dicembre, sette alunni non vedenti hanno frequentato il Corso di pianoforte, articolatosi in lezioni singole, con lo scopo di adeguare la programmazione alle esigenze di ognuno. Per alcuni, infatti, il corso è stata un’occasione per avvicinarli alla musica attraverso la presentazione del pianoforte; per altri, ha rappresentato il potenziamento di abilità acquisite in precedenza. Acquisendo le conoscenze di base in ambito musicale, gli allievi hanno avuto la possibilità di accrescere le proprie abilità comunicativo-espressive. E’ stata acquisita da tutti la comprensione delle nozioni principali sulla notazione musicale, poiché le esercitazioni pratiche al pianoforte sono state accompagnate dallo studio della notazione musicale braille e da esercizi di lettura degli spartiti. Dopo l’osservazione del senso ritmico e musicale e l’accertamento del possesso di determinati prerequisiti, è stato stabilito un programma per ciascun allievo. Ciò ha consentito all’allieva Alessandra D’Andrea, di anni 11, di partecipare il 25 maggio al saggio di pianoforte svoltosi nell’Auditorium del Conservatorio musicale “U. Giordano”, di Foggia: Alessandra, opportunamente preparata dal Prof. De Feo, è stata confermata al secondo anno di pianoforte.


Anche la musicoterapia per bambini con deficit aggiuntivi, è stata organizzata e strutturata in coincidenza dei periodi scolastici. Per ogni bambino si è ricercata la “chiave” per entrare in relazione ed ottenere attenzione, cercando contemporaneamente di individuare attività o strumenti motivanti da utilizzare come rinforzo. Si è cercato di conoscere e interpretare i segnali comunicativi emessi dai bambini, che non possedendo capacità di linguaggio comunicano con atteggiamenti, mettendo in atto comportamenti vari. In questi bambini, la conoscenza del proprio corpo e delle proprie capacità, non è immediata ma necessita di attività educative specifiche, sia motorie che al tavolino, che spesso non trovano posto nella programmazione didattica della scuola, dove spesso ai bambini ciechi o ipovedenti con plurihandicap, non sono concessi tempi e spazi adatti per sviluppare il proprio potenziale attraverso attività motorie ed intellettive significative per il bambino e rispettose dei suoi limiti e delle sue esigenze.


 


2) ÈQUIPE TIFLO-PSICO-PEDAGOGICA. - Le attività integrative extrascolastiche richiedono una sempre maggiore attenzione organizzativa ed una maggiore qualificazione professionale degli Educatori tiflologici, che dovranno acquisire ulteriori competenze per il plurihandicap, in considerazione del crescente numero di bambini ciechi o ipovedenti pluriminorati. Quanto mai opportuna si è rivelata la decisione di sostenere le attività extrascolastiche con un adeguato supporto tiflo-psico-pedagogico. L’attività di monitoraggio e counselling dell’Equipe ha provveduto principalmente a fornire l’azione di supporto alle famiglie ed agli Educatori tiflologici al fine di favorire l’integrazione e l’autonomia dei bambini e ragazzi con minorazione visiva del territorio. Il lavoro dell’equipe ha permesso di monitorare lo sviluppo complessivo e di fornire sostegno e supporto ai loro genitori ed educatori per favorire uno sviluppo armonico e completo. Durante gli incontri la psicologa ha somministrato test di natura psico-cognitiva, l’educatore tiflologico ha mediato l’approccio ai test tenendo conto della minorazione visiva e rendendoli quindi fruibili ai ragazzi ciechi o ipovedenti, mentre la tiflologa ha tratto le sue considerazioni metodologiche proponendo ai ragazzi dei giochi o altre attività finalizzate all’osservazione delle loro abilità. Al termine di ogni incontro, dopo l’osservazione diretta dell’utente, sono stati forniti alle famiglie e agli Educatori che hanno partecipato, informazioni, suggerimenti, chiarimenti e spunti di concreti per la proposta di attività da svolgere a casa per perseguire ben precisi obiettivi di sviluppo, personalizzando così gli interventi educativi. In generale gli obiettivi raggiunti sono così riassumibili:


-      personalizzazione degli interventi educativi, progettati direttamente sulle caratteristiche e sulle esigenze di ogni utente e della sua famiglia;


-       monitoraggio del corretto svolgimento delle attività integrative speciali;


-       supporto agli Educatori tiflologici a stilare un progetto educativo dettagliato e completo;


-       profferta agli Educatori ed alle famiglie suggerimenti operativi, informazioni, delucidazioni, indicazioni bibliografiche, delucidazioni su tecniche specifiche.


-       maggior orientamento delle famiglie verso i servizi offerti sul territorio per favorire l’integrazione e la socializzazione dei ragazzi.


-       Creazione di uno spazio dedicato all’esposizione di dubbi o incertezze relativo al percorso educativo intrapreso dalle famiglie.


 


3) ATTTIVITA’ PER IL RECUPERO SOCIALE DEI CIECHI E IPOVEDENTI PLURIMINORATI. 


In continuità con la programmazione del precedente anno, il Centro diurno ha continuato il suo servizio di promozione ed attivazione di percorsi occupazionali e di socializzazione in favore di persone cieche pluriminorate adulte. Il Centro Diurno è organizzato con lo scopo di svolgere una funzione socio-educativa sul singolo individuo, mirata a recuperare le capacità fisiche ed intellettuali residue per migliorarne il livello interrelazionale e d’inserimento sociale. Lo stesso si configura come uno spazio appositamente strutturato e pertanto idoneo a favorire il processo di crescita e d'integrazione sociale di persone con disabilità, fornendo valide occasioni per sviluppare e/o migliorare le capacità relazionali e i legami che l'individuo instaura con la comunità. Il Centro, per le persone che lo frequentano da molto tempo, è diventato un reale spazio di “vita adulta autonoma”, un riferimento essenziale per il significato quotidiano dell’esperienza e la ricerca condivisa del miglior benessere possibile. L’ambiente del Centro Diurno chiede  agli utenti di spendersi ogni giorno – per come ciascuno ne è in grado - in una dimensione “esistenziale” realistica. Il concetto di  “centralità della persona”, è l’elemento fondante del nostro lavoro educativo; il tentativo è, infatti, quello di   agire con uno sguardo globale su ciascuno che si traduce costantemente in una progettazione personalizzata. Non si tratta solamente di costituirsi e offrirsi come centro attento a cercare risposte ai bisogni, ma anche come centro che, a partire dai bisogni che emergono, propone a tutti - educatori, utenti e familiari compresi - di diventare protagonisti della ricerca che si apre. Il percorso proposto nel Servizio del Centro Diurno mira a realizzare una piena e reale integrazione dei principali ambiti esistenziali dei soggetti. Si parte da un piano personale e soggettivo che favorisca lo sviluppo di tutte le componenti della personalità in modo armonico per poter vivere con l’autonomia possibile nella dimensione sociale e affrontare le richieste del mondo circostante e della vita adulta.


Le attività svolte hanno coperto l’arco temporale da gennaio a giugno e da ottobre a dicembre 2012; tali attività hanno riguardato:


-           il Laboratorio tessile (realizzazione di oggettistica di riciclo variamente riadattata);


-           il Laboratorio sensoriale;


-           il Laboratorio di lettura e rappresentazione teatrale;


-           Attività di mobilità ed autonomia (esercizi yoga, “yoga della risata”, ginnastica dolce e respirazione, stimolazione Basale);


-           Attività integranti (uso del denaro, scrittura Braille, autonomia domestica, igiene personale, elementi di primo soccorso);


-           Attività di giardinaggio;


-           Laboratorio musicale;


-           Laboratorio esperienziale di educazione alla salute.


Gli utenti hanno tratto piacere nel “fare” e nel “produrre” alcuni manufatti, che sono stati apprezzati in diverse pubbliche iniziative organizzate dalla Sezione U.I.C.I. di Foggia.


 


4) SERVIZIO TRASCRIZIONI BRAILLE. - Il Servizio erogato dalla Sezione di Foggia dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti nell’anno 2012 è stato caratterizzato da un’intensa e continua attività di produzione di testi Braille commissionati dalle Scuole, richiesti dalla Presidenza Sezionale per i lavori del Consiglio o richiesti da Soci: per questi ultimi, sono state prodotte complessivamente 1107 pagine Braille.


È stato possibile servire più scuole del territorio di diverso ordine e grado, rispondendo in modo diretto e mirato alle esigenze degli Alunni e degli Studenti fruitori dei volumi da noi trascritti, nel rispetto della tempistica più opportuna. In totale per le scuole sono state prodotte oltre 11367 pagine Braille cartacee, più altre 1374 pagine Braille in formato elettronico, per un totale di 12741 pagine.


Hanno fatto richiesta delle nostre prestazioni le seguenti scuole del territorio, frequentate da alunni e studenti Soci della Sezione U.I.C.I. di Foggia: Istituto “Alighieri” di Lucera, Istituto “Giannone” di Ischietella, Istituto ”Green” di Ascoli Satriano, Istituto “Pascoli” di San Giovanni Rotondo, Istituto “Rosmini” di Lucera, Istituto “D’Alessandro” di Sannicandro Garganico.


Si è reso necessario incrementare, rispetto allo scorso anno, la produzione di testi elettronici fruibili attraverso sintesi vocale o display Braille per consentire una progressiva agilità di gestione dei testi e dello studio in generale; per alcuni studenti si è ritenuto opportuno fornire parte dei testi su supporto elettronico e parte stampati su carta, per rendere più graduale il passaggio dal cartaceo all’elettronico.


Le consegne sono state effettuate nel rispetto dei tempi previsti, ma in previsione del futuro è stata manifestata l’esigenza di poter ricevere dalle Case Editrici i files di lavorazione dei volumi, per sveltire la produzione dei volumi: allo scopo, verrà sottoscritta una apposita convenzione con la Biblioteca Italiana per Ciechi “Regina Margherita”, di Monza, che ci permetta di accedere ai suddetti files.


 


 


ALTRE ATTIVITA’


 


PREVENZIONE DELLA CECITA’. - Le pubbliche iniziative che anche nel 2012 hanno caratterizzato il nostro impegno per promuovere e diffondere la cultura per la prevenzione delle patologie oculari, sono state:


-           In occasione della Settimana Mondiale del Glaucoma, organizzata dall’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità, si è svolta il 15 marzo, nell’Aula multimediale del Poliambulatorio di San Giovanni Rotondo, una conferenza di informazione sulla patologia. Oltre al Presidente della Sezione U.I.C.I. di Foggia, è intervenuto il Dott. Antonio Laborante, Primario della Divisione di Oculistica di “Casa Sollievo della Sofferenza”, il quale ha illustrato gli aspetti diagnostici e terapeutici del glaucoma.


- L’11 ottobre, anche in Foggia, nella zona pedonale di C.so Vittorio Emanuele, è stata celebrata la Giornata Mondiale della Vista: l'iniziativa di sensibilizzazione “Ama la tua vista e prenditene cura!”, promossa dall’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità – I.A.P.B. Italia ONLUS.   L’iniziativa   ha   incontrato   l'immediata      ed incondizionata adesione dell’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Foggia, che ha concesso il proprio patrocinio. Ottenuta dagli uffici comunali la prescritta autorizzazione per l’occupazione del suolo pubblico, abbiamo posizionato ed allestito un promo desk dinanzi ai magazzini della Benettòn, in prossimità dell’incrocio con C.so Garibaldi; diversi volontari hanno provveduto, dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 16,30 alle 19,30, alla distribuzione dell’opuscolo informativo sulle patologie oculari e sull’importanza della riabilitazione visiva. Quanti si sono soffermati nella lettura dell’opuscolo, hanno espresso apprezzamenti non solo per i contenuti, ma anche per la bella e accattivante veste grafica; graditissimo, poi, è risultato il gadget. L’opuscolo è stato distribuito anche negli uffici pubblici della zona (Provincia, Comune, Prefettura e Guardia di Finanza) e le locandine sono state ben accolte ed esposte in molti negozi.


 


COLLOCAMENTO AL LAVORO. - Come è noto, la situazione occupazionale del nostro Paese si è andata progressivamente aggravando ed ancor più nella nostra provincia; sempre più problematico, quindi, si fa il collocamento obbligatorio dei nostri giovani disabili visivi. Tuttavia, grazie alla nostra attenta vigilanza (ed in particolare, all’insistente azione del nostro Consigliere Felice Didonna), il 2012 è stato un anno positivo: in settembre, una Centralinista è stata assunta all’Ufficio Esecuzioni Penali Esterne, di Foggia; tre altri Centralinisti sono stati avviati al lavoro ed oggi essi lavorano presso la Casa Circondariale di Foggia e presso il Tribunale di Manfredonia (a breve, anche presso l’Ispettorato Provinciale del Lavoro, di Foggia). Altri posti liberi sono stati da noi individuati e segnalati al Servizio Collocamento Obbligatorio, dell’Ente Provincia, affinché vengano avviate d’ufficio le assunzioni di altri disoccupati: alcuni provvedimenti sono in corso e siamo fiduciosi che entro l’anno verranno assunti altri giovani Centralinisti, ai sensi della Legge sul collocamento obbligatorio n. 113 del 1985.


 


TEMPO LIBERO, SPORT E GITE SOCIALI. - Nonostante le costanti incertezze finanziarie del nostro Bilancio, a tali attività destiniamo sempre adeguate risorse, allo scopo di favorire la più ampia partecipazione dei Soci. Anche per l’anno sportivo 2012/2013 abbiamo provveduto a rinnovare l'affiliazione al Comitato Italiano Paralimpico e, per il torball, al Campionato nazionale di serie B; inoltre, nel 2012, a diversi nostri Soci abbiamo dato la possibilità di partecipare nel 2011 alle seguenti varie iniziative:


- il 3 marzo, alla Giornata regionale del musichiere, svoltasi in Foggia nell’ambito delle iniziative promosse dalla Commissione regionale U.I.C.I. “Tempo libero e sport”: per la Sezione U.I.C.I. di Foggia, i risultati conseguiti non sono stati soddisfacenti.


- dal 26 agosto al 2 settembre, alla settimana di vacanza a Roccaraso: vi hanno partecipato con soddisfazione numerosi Soci.


In dicembre, presso l’Enoteca Panniello, di Foggia, si sono tenuti gli incontri dell’iniziativa “Ad occhi chiusi”: itinerario enogastronomico riservato a non vedenti, che già nel 2011 aveva riscosso notevole partecipazione di Soci. Anche all’edizione 2012 hanno partecipato esperti enologi che hanno spiegato le peculiarità dei vini e metodi e regole per la giusta degustazione. L’evento ha riscosso grande apprezzamento da parte dei partecipanti.


 


ATTIVITA’ MUSICALI - Durante l’anno 2012, in orario post-scolastico ed in attuazione degli interventi finanziati dalla Legge della Regione Puglia n. 14 del 2011, Art. 10, si è svolto il corso di pianoforte per diversi nostri studenti; come detto in altra parte di questa Relazione, Alessandra D’Andrea, di anni 11, è stata ammessa al secondo anno di pianoforte al Conservatorio musicale “U. Giordano” di Foggia.


L’attività del Coro sezionale è andata scemando nel corso dell’anno e solo negli ultimi mesi, integrato da voci di altri cori, ha partecipato a qualche manifestazione solidaristica.


 


FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO - Nel 2012, in collaborazione con la Sede Provinciale di Foggia dell'Istituto per la Ricerca la Formazione e la Riabilitazione (I.Ri.Fo.R.) sono stati organizzati ed effettuati i seguenti Seminari di aggiornamento, ai quali hanno partecipato non solo i nostri Educatori tiflologici impegnati in attività extrascolastiche domiciliari, ma anche diversi genitori:


1) SEMINARIO "TIFLODIDATTICA DELL’INFORMATICA", della durata di n. 12 ore. - Articolato in 3 incontri da 4 ore di attività teorica e pratica, sono stati trattati i seguenti temi: Prerequisiti logico-cognitivi dell’ avviamento all’informatica del bambino non vedente; - L’approccio all’informatica: la memorizzazione della tastiera (programmi specifici e strategie di apprendimento); - Lo screen reader: concetto di lettore di schermo, modalità di utilizzo, comandi da tastiera di base; - Gestione e navigazione di un file di testo; - Il Braille informatico e display Braille; - I programmi speciali per l’approccio al pc del bambino ipovedente (coordinazione oculo-manuale attraverso il mouse, agganciamento visivo sullo schermo, caratteristiche della postazione informatica); - I principali programmi di videoingrandimento: caratteristiche ed utilizzo; -


2) SEMINARIO "LA COMUNICAZIONE DEI SOGGETTI IN SITUAZIONE DI PLURIHANDICAP”, della durata di n. 16 ore. – Articolato in 4 incontri, sono stati trattati i seguenti temi: Importanza della comunicazione; - Il nesso di causalità: concetti teorici di base e suggerimenti pratici; - Le modalità di comunicazione alternativa.


3) SEMINARIO “PRINCIPI DI STIMOLAZIONE BASALE”, della durata di n. 10 ore. - La Stimolazione Basale®, secondo il metodo del Prof. A. Fröhlich - Germania, consiste in un intervento riabilitativo, di accompagnamento e di sostegno per le persone con grave disabilità, rivolto a persone non autonome che percepiscono e comunicano con il mondo esterno solo attraverso il loro corpo.Questo tipo di riabilitazione è finalizzata principalmente a stimolare un maggior sviluppo delle capacità di chi è gravemente svantaggiato per favorire un aumento della motivazione e della consapevolezza della propria esistenza e migliorare così la qualità della vita. La stimolazione basale infatti aiuta a compensare la mancanza di esperienze proprie, del movimento. Inoltre la stimolazione basale crea un ambiente armonioso e stimolante che permette al bambino gravemente disabile di “viversi” e “percepirsi” come un essere umano attivo nel suo ambiente. Articolato in due incontri, sono stati trattati i seguenti temi: il concetto di Stimolazione Basale®; - i contenuti pratici della Stimolazione Basale®; - la postura corretta per l'attività autonoma del bambino; (postura sui fianchi, postura supina, postura prona, postura seduta, postura in piedi); - la stimolazione vestibolare: proposte della esperienza di movimento; - la stimolazione vibratoria: proposte di percezione profonda del corpo; - la stimolazione somatica ed orale: proposte tattili ed esperienze orali per il bambino.


4) SEMINARIO “ORIENTAMENTO SPAZIALE ED AUTONOMIA PERSONALE”, della durata di n. 16 ore. – Articolato in 4 incontri, sono stati trattati i seguenti temi: principi di orientamento; - principi di autonomia personale; - esercitazioni sensi residui; - tecniche dell'accompagnamento; - tecniche di protezione del corpo; - tecniche di esplorazione e di ricerca; - tecniche d'uso del bastone lungo.


5) SEMINARIO “PROGETTO LAMBDA - SOFTWARE DEDICATO ALLO STUDIO DELLA MATEMATICA PER STUDENTI CIECHI”, della durata di n. 8 ore. - I partecipanti sono stati avviati all’utilizzo del software LAMBDA, un sistema innovativo e integrato per gestire documenti scientifici attraverso display Braille e sintesi vocale. Il team del Progetto LAMBDA ha progettato un sistema basato sull'integrazione funzionale di un codice matematico lineare e un editor per la visualizzazione, la scrittura e la manipolazione di espressioni matematiche e offe una serie di funzioni compensative, ossia degli aiuti forniti all'utente per ridurre le difficoltà di comprensione e gestione causate dalla minorazione visiva e dalla conseguente necessità di usare un codice lineare per la gestione delle formule. Il Seminario si è svolto in un’aula informatica, con esercitazioni pratiche sull’uso del software.


 


ATTIVITA DI VOLONTARIATO – Anche nel 2012, alla Sezione U.I.C.I. di Foggia non sono stati assegnati volontari in Servizio Civile, per mancato finanziamento del Progetto; pertanto, si è fatto ricorso al supporto della Sezione Provinciale di Foggia dell’Unione Nazionale Italiana Volontari pro Ciechi, la cui attività si compendia nei seguenti dati.


Nel corso dell’anno sono state effettuate n. 547 missioni  di: ne hanno beneficiato 37    utenti non vedenti ed impegnati 30 volontari. Si sono tenute n. 4 Direzioni Sezionali ed un’Assemblea Ordinaria. L’impegno dei Volontari si è espletato prevalentemente in accompagnamento personale, rapporti amicali, accompagnamento ad attività comuni, supporto in occasione di Assemblee e Manifestazioni promosse dalle Sezioni U.I.C.I. e U.N.I.Vo.C.. Notevole in particolare è stato l’impegno dei Volontari per quanto segue :


A) sostegno per 8 ore settimanali alle attività del Centro Diurno per ciechi pluriminorati, sopperendo così alla carenza di fondi;


B) partecipazione al Gruppo Corale U.I.C.I., quali animatori, esperti musicali e coristi, oltre che per eventuale necessità di accompagnamento.


C) attuazione del Progetto “Contrasto alla emarginazione dell’anziano non vedente”, finanziato con il Bando di Perequazione per la Progettazione Sociale 2008 –Regione Puglia, per il quale l’U.N.I.Vo.C. ha curato il servizio del telefono amico, dell’ assistenza all’uso del braille e degli strumenti tiflotecnici, l’animazione e l’assistenza in momenti di socializzazione, ludici e culturali.


Di durata biennale, avviato nel settembre 2010, il progetto si è concluso a fine maggio 2012. Molti i Non Vedenti ed Ipovedenti ultra-sessantacinquenni, impossibilitati a partecipare alle altre attività, che hanno fruito del servizio del telefono amico. Assidui fruitori, invece, delle diverse attività comuni ne sono stati più di una trentina, distribuiti tra le diverse attività.


 


 


PARTECIPAZIONE A COMMISSIONI, CONVEGNI E AD ALTRE INIZIATIVE - Nel corso del 2012, abbiamo favorito la partecipazione di Dirigenti e Soci alle seguenti iniziative:


- Il 28 gennaio, in Bari, presso la Sede del Consiglio Regionale U.I.C.I., si è riunita la Commissione regionale “Ipovedenti”, alla quale ha partecipato il nostro Responsabile Lucio Delli Carri. La Commissione ha trattato diverse problematiche, relative al collocamento lavorativo ed agli aspetti riabilitativi; inoltre, ha espresso parere negativo per l’adozione di un eventuale segno di riconoscimento per gli ipovedenti, così come proposto dalla Commissione nazionale.


- Nei giorni 4 e 5 maggio si è svolto in Roma, organizzato dal Pontificio Consiglio per la Salute, il Convegno internazionale sulle differenti realtà dei ciechi nel mondo. Relatori provenienti dai cinque continenti ed impegnati in Organizzazioni Non Governative, hanno illustrato le iniziative in atto per la prevenzione della cecità e per l’istruzione ed il lavoro dei minorati della vista; di particolare rilievo, sono state le panoramiche in alcuni Paesi dell’Africa e dell’Asia, attraverso la dimensione sociologica della cecità nelle religioni cristiana, buddista, islamica ed ebraica.


- Dal 17 al 19 maggio, presso l’Ente Fiera di Foggia, si è svolta la seconda edizione di “InnovAbilia”: festival delle innovazioni tecnologiche per le disabilità. Per l’occasione, la Sezione U.I.C.I. di Foggia ed il Centro di Consulenza Tiflodidattica hanno partecipato ai laboratori didattici organizzati dall’Ufficio Scolastico Provinciale, nonché al Convegno “Dal Progetto Educativo Individualizzato al Progetto di vita”. A “InnovAbilia 2012” è stato presentato “PC speacky facile”, realizzato dalla Azienda Media Voice, di Foggia, e che permette la gestione vocale del computer, assai utile per quanti non hanno dimestichezza informatica o hanno difficoltà motorie per la gestione della tastiera.


- Il 23 giugno, nell’Auditorium del Museo di Mattinata, si è svolto il Convegno “Vedere nel buio”, con il quale si è concluso il Progetto di orientamento, mobilità e autonomia personale; il Progetto è stato curato dall’Istruttrice Arianna Conoscitore ed ha coinvolto le nostre Socie Sipontina Prencipe e Mattia Angerillo, di Manfredonia, e Michela Cota di Mattinata. A nome della Sezione U.I.C.I. di Foggia, il Presidente ha espresso vivo apprezzamento per l’iniziativa ed ha auspicato che anche per altri giovani non vedenti si possano esperire soluzioni analoghe.


- Il 28 giugno, nell’ambito del ciclo di trasmissioni “Parla con l’Unione” il Presidente della Sezione di Foggia, su specifico incarico della Presidenza Nazionale, ha illustrato gli Artt. 24 e 30 della Convenzione Internazionale sui “Diritti delle persone con disabilità” e concernenti i diritti all’istruzione e per la partecipazione alla vita culturale, socio-ricreativa e sportiva.


- Il 31 luglio, in Roma, presso l’Auditorium del Parco della Musica, si è svolta la XII edizione del Premio Braille, che la Presidenza Nazionale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti organizza annualmente per richiamare l’attenzione delle Pubbliche Istituzioni sulla tutela dei diritti delle persone con disabilità visiva. Nel corso della serata sono state premiate diverse personalità della politica, tra i quali il Presidente della Provincia di Trento, e del mondo associativo.


- Il 13 ottobre, in Roma, si è svolto il Seminario sulle problematiche degli ipovedenti, organizzato dalle Presidenze Nazionali dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti e dalla Sezione Italiana dell’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità.


- Il 15 ottobre, al Museo di Storia Naturale, di Foggia, è stato inaugurato il percorso tattile, che permetterà ai non vedenti di conoscere ed apprezzare i diversi reperti; tra questi, di particolare interesse sono le riproduzioni di alcuni delfini, la dentatura di uno squalo, crani dell’uomo di alcuni milioni di anni fa, conchiglie e fossili vari. L’inaugurazione è stata preceduta da una conferenza stampa, alla quale sono intervenuti, oltre ai realizzatori del percorso tattile, la Vice Presidente della Provincia ed il Presidente della Sezione U.I.C.I. di Foggia.


- Il 31 ottobre si è svolta in Roma, dinanzi a Montecitorio, la manifestazione “Cresce il welfare, cresce l’Italia”, organizzata congiuntamente dalla F.A.N.D.   Federazione delle Associazioni Nazionali dei Disabili) e la F.I.S.H. (Federazione Italiana Superamento Handicap). Anche l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti vi ha partecipato con una nutrita delegazione, composta da Consiglieri Nazionali e da delegazioni delle diverse regioni.


 


 


- CONCLUSIONI -


Cari Soci, potremmo concludere qui la nostra Relazione, dicendo “questo è quanto” e lasciare a ciascuno di voi valutare il poco o il tanto che abbiamo fatto nel 2012. Ma intanto speriamo che vogliate darci atto della buona volontà e della sincera passione associativa che anima questo Consiglio. Come detto nella parte introduttiva di questa Relazione, anche per la nostra Associazione, così come per l’intero nostro Paese, il 2012 è stato un anno piuttosto travagliato e denso di preoccupazioni. La forte riduzione (e in molti casi l’azzeramento) dei contributi di funzionamento all’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, ha costretto la Direzione Nazionale ed il Consiglio Nazionale a mettere in cassintegrazione il personale della Sede Centrale ed a programmare una riduzione di spesa di ben 650.000 euro sul Bilancio 2013, con conseguente licenziamento di almeno 15 dipendenti: decisioni, queste, dolorose ad assumersi, ma imposte dalla dura realtà dei fatti. Noi della Sezione Provinciale di Foggia, a differenza di quanto purtroppo già avvenuto in diverse altre Sezioni U.I.C.I., siamo riusciti ad attraversare indenni il 2012 e, nonostante una sensibile diminuzione dei contributi da Enti e da privati, abbiamo mantenuto inalterati l’organico, l’assetto organizzativo e l’operatività. Ma una riduzione dei costi di gestione si impone anche per la nostra Sezione e questo Consiglio ha già messo in atto alcune misure di riduzione delle spese e ipotizzato di mettere a reddito, mediante locazione, almeno uno dei due immobili di via Gorizia.


Ma per meglio fronteggiare la dura realtà dei fatti, il Consiglio Sezionale, accogliendo le diverse istanze e le sollecitazioni degli Organi nazionali e regionale dell’Associazione, ha promosso, con le Deliberazioni n. 7 del 20 febbraio e n. 14 dell’11 maggio 2012, la costituzione di una cooperativa sociale, sulla scorta delle positive esperienze di altre Sezioni U.I.C.I.; in particolare, quella del Consiglio Regionale U.I.C.I. della Puglia (che ha dato vita alla Cooperativa “A. Nicolodi”) e a quella di Lecce (che ha costituito nel 2011 la cooperativa “Centro Italiano Tiflotecnico”). Lo stesso Statuto dell’Unione, all’Art. 43, lett. D) ed h) del punto 3, sollecita e favorisce la costituzione di cooperative sociali, nelle quali trovino opportunità lavorative i ciechi e gli ipovedenti. La cooperativa, ferma restando la sua piena autonomia d’azione, avrà per l’Unione una funzione strumentale, potendo godere, a differenza dell’U.I.C.I., di agevolazioni contributive per i Soci lavoratori e sgravi fiscali; inoltre, la cooperativa potrà partecipare a gare d’appalto per la gestione di Servizi, che gli Enti Locali erogano ai propri cittadini disabili o comunque in situazioni di disagio. La cooperativa in parola è stata formalmente costituita il 22 febbraio di quest’anno e i suoi costituenti (cinque giovani disoccupati già Collaboratori a Progetto dell’Unione) hanno voluto denominarla “Louis Braille”, per richiamarne il legame con la disabilità visiva e la proiezione verso una dimensione culturale dell’inclusione sociale, così come lo fu (e continua ad esserlo tutt’oggi) il codice di lettura e scrittura tattile inventato da quel cieco francese di circa due secoli fa e che “vinse il buio indicando ai ciechi le vie della Cultura”.


Ma anche i genitori dei nostri ragazzi pluriminorati non subiscono passivamente i travagliati tempi attuali e, preoccupati di assicurare ai propri figli un minimo possibile di Servizi, hanno progettato la costituzione di una Fondazione; questa, ha già un suo Comitato promotore ed ha già acquisito diverse adesioni. A beneficio dei dubbiosi, si ribadisce la funzione insostituibile della Sezione Provinciale di Foggia dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, quale Ente di tutela ed erogatore di servizi per tutte le esigenze dei non vedenti ed ipovedenti residenti nel territorio provinciale di Foggia. La costituenda Fondazione ha una finalità assai specifica, ovvero è finalizzata ai ciechi ed ipovedenti pluriminorati che hanno concluso il percorso scolastico e non sono inseribili nel mondo del lavoro;la Fondazione, pur aspirando nelle sue finalità a poter un giorno garantire in toto Servizi per i ciechi ed ipovedenti pluriminorati che hanno concluso il percorso scolastico, certamente in un tempo di medio periodo potrà, con il proprio fondo annuale di gestione, integrare quei Servizi che gestisce direttamente l’Unione o in convenzione con Enti quali la Provincia, l’ASL e altri. Il 25 gennaio di quest’anno, Consiglio Sezionale e Comitato pro Fondazione per ciechi pluriminorati hanno concordato distinte iniziative di raccolta fondi, in uno spirito di reciproca fiducia.


Carissimi Soci ed Amici, abbiamo voluto accennare alle due novità maturate nel 2012 (la cooperativa sociale “Louis Braille” e la Fondazione per ciechi pluriminorati), a dimostrazione del nostro sguardo prospettico sulle realtà attuali, che inducono più al pessimismo che all’ottimismo. Come a tutti noto, gli indicatori dell’economia reale del nostro Paese ci dicono che il debito pubblico ha ormai superato la soglia dei 2000 miliardi di euro e che sarà inevitabile un’altra forte restrizione alla spesa pubblica: il che significa meno soldi per lo stato sociale e, quindi, per i cittadini disabili. La disoccupazione è al 12 per cento e quella dei giovani ha superato il 30 per cento: ciò significa che ognuno deve essere imprendidore di se stesso in relazione con gli altri. Mentalità nuova e spirito nuovo, quindi, aperti al confronto e alle sfide. Se la cooperativa sociale “Louis Braille” e la costituenda Fondazione per ciechi pluriminorati saranno le risposte giuste, lo vedremo. Se la Sezione Provinciale di Foggia dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti sarà capace di affrontare i cambiamenti in atto, dipenderà esclusivamente da noi, dalla nostra volontà e dalla nostra capacità di essere aperti al nuovo e pronti a gestirlo con competenza e lungimiranza. Parliamone pure, discutiamone ed argomentiamo le nostre ragioni, ma facciamolo senza arroccamenti sulle nostalgie del passato. Grazie!


 


 


per il Consiglio Sezionale


                                                                                                il Presidente


                                                                                         (Dr. Michele Corcio)


(Inserito il 08-04-2012)
«- Precedente    Successiva