Utility menu: Versione grafica | Versione testo | Versione alto contrasto | Accessibilità | Riduci carattere (-) | Aumenta carattere (+) | Versione stampabile

Presentazione

L'Unione Italiana dei Ciechi, fondata a Genova il 26 ottobre del 1920, ha per Legge la Rappresentanza e la tutela degli interessi morali e materiali di tutti i non vedenti; oggi essa tutela e rappresenta anche i cittadini ipovedenti, definiti tali ai sensi della Legge 3 aprile 2001, n. 138: ovvero, tutti i cittadini il cui residuo visivo nell'occhio migliore non è superiore a tre decimi con eventuale correzione di lenti.

News

Incontro per la giornata della vita organizzato presso la cattedrale di Vieste

In occasione della giornata della vita è stato organizzato presso la cattedrale di Vieste un incontro con Maria Del Viscio, non vedente e con Carmine Chionchio anch’egli non vedente che è intervenuto sull’argomento



In occasione della giornata della vita  è stato organizzato presso la cattedrale di Vieste un incontro con Maria Del Viscio, non vedente e con Carmine Chionchio anch’egli  non vedente che è intervenuto sull' argomento La lodevole iniziativa è stata presentata dal vicario episcopale Gioacchino Strizzi ad una platea di ragazzi ed adulti molto interessata.  Quando si tratta di presentare la disabilità visiva si corrono due rischi il primo è quello di suscitare pietismo da parte dei  partecipanti , il secondo è quello di dare un’impressione positiva della condizione di disabilità. Nel corso della manifestazione Maria  ha esposto le situazioni positive della cecità rapportandola  ai tempi moderni mentre  Carmine Chionchio avendo un’età più avanzata ha  evidenziato le difficoltà che si incontrano nell'essere una persona non vedente .Con questa testimonianza hanno  voluto sottolineare come si può possa dare un senso alla vita anche convivendo con la cecità assoluta classificata dall’OMS   come una  grave disabilità. Certamente la disabilità visive non è come un  raffreddore, non è una condizione temporaneamente, la difficoltà è trovare un contesto che si adatti alle esigenze dei non vedenti. LA  manifestazione è  stata  molto apprezzata  soprattutto dalla  platea dei  piú giovani che hanno mostrato  interesse formulando alcune domande a cui  i due ospiti hanno brillantemente risposto. I ragazzi della prima comunione e della cresima hanno dato sfoggio di sensibilità creando cartelloni e disegni in ricordo della giornata per la vita.  Al termine, la platea ha espresso approvazione e gradimento per l'evento che si è concluso con saluti e  foto di rito .


(Inserito il 18-02-2022)

«- Precedente    Successiva