Utility menu: Versione grafica | Versione testo | Versione alto contrasto | Accessibilità | Riduci carattere (-) | Aumenta carattere (+) | Versione stampabile

Presentazione

L'Unione Italiana dei Ciechi, fondata a Genova il 26 ottobre del 1920, ha per Legge la Rappresentanza e la tutela degli interessi morali e materiali di tutti i non vedenti; oggi essa tutela e rappresenta anche i cittadini ipovedenti, definiti tali ai sensi della Legge 3 aprile 2001, n. 138: ovvero, tutti i cittadini il cui residuo visivo nell'occhio migliore non è superiore a tre decimi con eventuale correzione di lenti.

News

COMUNICATO N. 61

Rilascio della Certificazione Unica 2020 ai volontari del Servizio Civile.



            Si rende noto che sul sito dell’Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile (www.serviziocivile.gov.it) è stato pubblicata, in data 30/03/2020, la seguente “Comunicazione agli Enti e ai volontari di Servizio Civile: Certificazione Unica 2020, anno di imposta 2019 



 



****



A partire da oggi 30 marzo 2020 gli operatori volontari in Servizio civile universale sia in Italia che all'Estero avranno la possibilità di acquisire autonomamente la "Certificazione Unica 2020" relativa agli assegni di servizio civile che questo Dipartimento ha corrisposto loro nell'anno d'imposta 2019, secondo i modelli approvati dall’Agenzia delle Entrate.



Gli assegni di servizio civile non sono più inquadrati tra i compensi assimilati a lavoro dipendente, bensì tra i cosiddetti “redditi diversi”, quindi esenti da ogni imposizione tributaria.



Per ottenere il certificato occorre accedere alla Sezione volontari, Area riservata volontari, ed inserire utenza e password, che sono state consegnate a ciascun operatore volontario di servizio civile, dall'Ente d'impiego, all'atto della presa di servizio.



Per ragioni tecniche, il certificato in questione potrà essere scaricato dal database entro e non oltre il 28 febbraio 2021.



Gli enti sono invitati a dare la massima diffusione al contenuto del presente Avviso tra i giovani che prestano attualmente servizio civile presso le proprie strutture, facendo presente che l’acquisizione della CU costituisce un diritto/dovere di ciascun contribuente, per i successivi usi previsti dalla legge (ISEE accesso ad eventuali prestazioni gratuite e quant’altro).



Per eventuali richieste di chiarimento inviare un messaggio ad una delle seguenti caselle di posta elettronica;cproia@serviziocivile.itamministrazione@serviziocivile.it”.







            Cordiali saluti.                                                                           Mario Barbuto




(Inserito il 22-04-2020)

«- Precedente    Successiva