Utility menu: Versione grafica | Versione testo | Versione alto contrasto | Accessibilità | Riduci carattere (-) | Aumenta carattere (+) | Versione stampabile

Presentazione

L'Unione Italiana dei Ciechi, fondata a Genova il 26 ottobre del 1920, ha per Legge la Rappresentanza e la tutela degli interessi morali e materiali di tutti i non vedenti; oggi essa tutela e rappresenta anche i cittadini ipovedenti, definiti tali ai sensi della Legge 3 aprile 2001, n. 138: ovvero, tutti i cittadini il cui residuo visivo nell'occhio migliore non è superiore a tre decimi con eventuale correzione di lenti.

Convegni


RESOCONTO SEMINARIO "ORIENTAMENTO, MOBILITA E AUTONOMIA PERSONALE"

- di Michele Corcio -

Il 17 gennaio 2009 si svolto in Roma, nell'Aula "Brasca" del Policlinico "A. Gemelli", il Seminario sul tema "Orientamento, Mobilit e Autonomia Personale", promosso ed organizzato dal Polo Nazionale di Servizi e ricerca dell'Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecit (IAPB Italia ONLUS). Riservato ai responsabili ed agli operatori dei Centri di riabilitazione visiva degli ipovedenti esistenti sull'intero territorio nazionale, ha visto una nutrita partecipazione di addetti ai lavori e riscontrato un notevole interesse. Il Seminario stato aperto dall'intervento introduttivo dell'Avv. Giuseppe Castronovo (Presidente della IAPB Italia ONLUS), che ha sottolineato il forte e concreto impegno professionale di tutti gli Operatori del Polo Nazionale, creato grazie alla Legge n. 291/2003 per far compiere un salto di qualit alla riabilitazione visiva. Dopo i saluti istituzionali delle diverse Autorit presenti, il Prof. Alfredo Reibaldi (Direttore scientifico del Polo Nazionale) ha illustrato le ragioni del Seminario, scaturito dalla necessit di un costruttivo confronto fra tutti gli Operatori dei Centri di riabilitazione su di un argomento poco conosciuto soprattutto dal mondo delloftalomologia.

Il Prof. Filippo Cruciani (Coordinatore delle attivit scientifiche e di ricerca del Polo Nazionale) e la Dr.ssa Romina Fasciani (Dirigente medico Oculista del Policlinico "A. Gemelli") hanno trattato il tema: "La riabilitazione degli ipovedenti in relazione ai differenti gradi e qualit della visione". Essi hanno evidenziato che la funzione visiva non coincide necessariamente con l'acutezza visiva, ma coinvolge anche altri aspetti, come il campo visivo; le capacit visive, che spesso gli Oculisti trascurano, comprendono le attivit della vita quotidiana. Di particolare importanza , per l'orientamento e la mobilit, la determinazione delle aree di interesse della visione periferica; ed a tale riguardo, essi hanno rilevato le differenze tra il metodo Estermann e quello Zingirian-Gandolfo. Il grado e la qualit della minorazione visiva incide sull'autonomia personale, sulle relazioni interpersonali e sulla partecipazione sociale; importante anche il confort ambientale, come la luminosit.

Il Prof. Enzo Tioli (Vice Presidente Nazionale dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS, nonch Componente della Direzione Nazionale IAPB Italia ONLUS) ha relazionato sul tema: "Dalla riabilitazione funzionale alla riabilitazione globale: riflessioni tiflologiche ed azioni concrete". E' stata richiamata la Circolare del Ministero della Salute 28 aprile 2003, in materia di interventi riabilitativi e di integrazione sociale dei minorati della vista; in particolare, detta Circolare, a firma dell'allora Ministro Sirchia, afferma il principio che la riabilitazione dei minorati della vista, di competenza delle Aziende Sanitarie Locali e dei Comuni, deve comprendere ogni iniziativa finalizzata all'autonomia e all'integrazione sociale, con specifico riferimento ai Corsi di orientamento e mobilit, di autonomia personale e domestica, di alfabetizzazione informatica. L'autonomia non la semplice acquisizione di automatismi, ma l'acquisizione di quelle conoscenze e competenze utili a dare risposte valide ai problemi che la vita presente. Fondamentali, quindi, sono una educazione ed una formazione integrali della persona; allacciare relazioni interpersonali, alla base della integrazione sociale; ma bisogna tener conto della reciprocit d'azione. Autonomia significa anche valorizzare e saper utilizzare i vari dispositivi tecnici, tecnologici ed informatici, ma con attenzione a quelli che risultano effettivamente utili. Il Prof. Tioli ha concluso la sua relazione evidenziando l'opportunit che, sin dalla progettazione dei vari dispositivi, si tenga conto delle esigenze specifiche delle persone con disabilit.

Dei percorsi di orientamento, mobilit e autonomia personale hanno trattato il Dr. Giovanni Bosco Vitiello e la Dr.ssa Arianna Conoscitore (dell'Associazione Nazionale Istruttori di Orientamento, Mobilit e Autonomia Personale- ANIOMAP). Il primo, ha evidenziato con efficacia il processo di circolarit; la mobilit interessa di fatto la capacit di deambulare delle persone non vedenti o fortemente ipovedenti, sia in spazi chiusi che aperti e, quindi, con una serie di variabili delle quali tener conto. Il Dr. Vitiello ha distinto gli ausili specifici, in primari e secondari: tra i primi, rientrano gli accompagnatori; fra i secondi, gli ausili tecnici e tecnologici; anche il cane-guida ha la sua importanza, ma esso non tout court sostitutivo dell'accompagnatore vedente, al braccio del quale si pu andare in qualunque posto. Prima di prendere il cane-guida necessario che il non vedente frequenti un Corso di orientamento e mobilit. La Dr.ssa Conoscitore ha messo in evidenza la capacit delle persone cieche e ipovedenti di sapersi destreggiare nello svolgimento di attivit quotidiane; appropriarsi di atti minimi, conformi a prerequisiti. L'Istruttore di orientamento, mobilit e autonomia personale deve sempre tener conto dei desideri e degli interessi personali dell'utente; a volte il non vedente pensa che sia impossibile per lui raggiungere alcuni livelli di autonomia superiore e, quindi, va opportunamente stimolato, con il raggiungimento progressivo di obiettivi che rafforzino la sua autostima. Autonomia sinonimo di libert: non basta saper fare, ma essere libero di decidere come, dove e quando farlo. E' sinonimo di indipendenza e ci porta ad una maggiore autostima, perch aumenta la sicurezza in se stessi. Infine, relativamente all'autonomia domestica, la Dr.ssa Conoscitore ha sottolineato con enfasi gli obiettivi da raggiungere: imparare a cucire, stirare, cucinare, curare l'igiene, avere cura della propria persona e dei propri indumenti. Un Corso completo di autonomia personale dura non meno di 80 ore.

La dimensione tiflopedagogica nella formazione degli istruttori di orientamento, mobilit e autonomia personale, stata analizzata dal Prof. Giancarlo Abba (Direttore scientifico dell'Istituto dei ciechi di Milano). L'Istruttore deve avere una matrice pedagogica e nella sua formazione va prestata attenzione alla comunicazione. Anche la capacit relazionale imprescindibile; l'Istruttore, cio, deve conoscere i meccanismi e le modalit della relazione, per costruire un rapporto di fiducia con l'utente. Il Prof. Abba, altres, ha evidenziato un terzo aspetto tiflopedagogico nella formazione dell'Istruttore di orientamento e mobilit: l'imprescindibilit della conoscenza delle modalit di apprendimento, notevolmente differenti tra l'utente non vedente e quello ipovedente; ulteriori differenziazioni sono l'et e il momento di insorgenza della minorazione. Quarto aspetto: la conoscenza dei codici specifici: il Braille, le tecnologie assistive, gli ingranditori ottici ecc.. L'Istruttore di orientamento, mobilit e autonomia personale ha una dimensione fortemente tiflopedagogica e riesce nei suoi obiettivi se crede fermamente nelle possibilit di riuscita dell'utente.

I percorsi tattilo-plantari e le tecnologie satellitari sono stati gli argomenti trattati dall'Arch. Pino Bilotti (Componente della Direzione Nazionale dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), dal Dr. Pino Nobile (Direttore della Stamperia Regionale Braille di Catania) e dal Dr. Salvatore Romano (Direttore del Centro Nazionale Tiflotecnico dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti). L'Arch. Bilotti ed il dr. Nobile hanno evidenziato quanto sia necessario, in presenza dei cambiamenti in atto degli spazi urbani, trovare soluzioni idonee per la mobilit dei non vedenti; le nostre citt sono ormai invase, pi per ragioni economiche che per motivi di opportunit, da percorsi tattilo-plantari di dubbia efficacia ed utilit. L'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, dal 2004 ha avviato lo studio del percorso "Vettore", il cui nome significa, appunto, "senso di marcia, guida", meno costoso e meglio rispondente ai bisogni di leggibilit tattilo-plantare, in quanto costituito da due soli codici di lettura. Oltremodo utile sarebbe, nei Corsi universitari di architettura, parlare delle difficolt deambulatorie dei cittadini disabili. In materia di percorsi fruibili, i due relatori hanno accennato alle differenze di linee guida ed alle normative dei diversi Paesi europei, le quali tengono conto della semplicit dei codici da memorizzare, della chiarezza e continuit delle informazioni tattilo-plantari, della fruibilit per gli ipovedenti, grazie ai contrasti cromatici; inoltre, va considerata l'economicit del prodotto. Il "Vettore" stato positivamente sperimentato con campioni di non vedenti e di ipovedenti, i quali ne hanno apprezzato la semplicit e l'efficacia dei due codici: la sinusoidalit mantiene la percezione plantare e la direzione di marcia; le calotte sferiche sollecitano l'attenzione ed indicano il pericolo. Il "Vettore" pu essere fruito anche senza bastone e pu essere richiesto in differenti materiali. Il Dr. Romano ha illustrato il "Progetto easy walk", strumento che si avvale della tecnologia satellitare e che consente ai non vedenti di determinare la propria posizione e, quindi, di potersi orientare nei percorsi di mobilit urbana.

Nel pomeriggio, per la sessione "La parola ai Centri di riabilitazione visiva: esperienze a cofronto", sono intervenuti:

- la Dr.ssa Noemi Ferrato ed il Dr. Marco Rosso (Psicologa ed Educatore professionale del Centro di riabilitazione di Fossano, nel Cuneese), i quali hanno riferito in dettaglio delle molte attivit del Centro e dei Servizi a sostegno degli alunni disabili visivi;

- la Dr.ssa Laura Corsi (Istruttrice di orientamento e mobilit del Centro regionale di rieducazione visiva di Firenze), la quale ha messo in risalto il ruolo del paziente quale partner dell'equipe pluridisciplinare nel percorso riabilitativo. Presso il Centro, l'accoglienza fatta dallo Psicologo e il paziente vi accede con una richiesta del medico. L'equipe pluridisciplinare elabora un Progetto riabilitativo con la definizione degli obiettivi ed in tale Progetto il paziente un alleato. Nel percorso riabilitativo importante valutare se il limite valicabile e in tal caso l'Operatore deve insegnare al paziente a varcare quel limite; uno dei maggiori ostacoli, per, la staticit dei sistemi, come quello familiare, per cui diventa difficile modificare alcuni equilibri e l'immodificabilit dello status quo di alcune famiglie pu determinare risultati negativi del Progetto riabilitativo, che ha lo scopo di ridare la libert e far assaporare la bellezza della vita.

- la Dr.ssa Boris (Istruttrice di orientamento e mobilit del Centro di Porto Piceno) ha sollecitato l'attenzione degli Operatori sui sensi residui, in quanto anche gli altri canali sensoriali permettono di vivere esperienze forti e particolarmente significative.

Il dibattito che ne seguito si concluso con la richiesta che in tutti i Centri di riabilitazione visiva sia presente un Istruttore di orientamento, mobilit e autonomia personale.

Le relazioni integrali sono reperibili sul sito www.iapb.it -> Polo Nazionale Ipovisione.



(Inserito il 23-02-2009)