Utility menu: Versione grafica | Versione testo | Versione alto contrasto | Accessibilità | Riduci carattere (-) | Aumenta carattere (+) | Versione stampabile

Presentazione

L'Unione Italiana dei Ciechi, fondata a Genova il 26 ottobre del 1920, ha per Legge la Rappresentanza e la tutela degli interessi morali e materiali di tutti i non vedenti; oggi essa tutela e rappresenta anche i cittadini ipovedenti, definiti tali ai sensi della Legge 3 aprile 2001, n. 138: ovvero, tutti i cittadini il cui residuo visivo nell'occhio migliore non è superiore a tre decimi con eventuale correzione di lenti.

Circolari del


CIRCOLARE n. 231 - Progetto "Formazione dei quadri associativi" - Avvio.


Circolare n. 231

Prot. 15175/2011-07-28

PN(TD/ams)


 




Ai Presidenti delle Sezioni Provinciali

dell'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti


 


Ai Presidenti dei Consigli Regionali

dell'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti


 


Ai Componenti il Consiglio Nazionale

dell'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti


 


Ai Componenti il Collegio dei Probiviri


 


LORO SEDI


 




OGGETTO: Progetto "Formazione dei quadri associativi" - Avvio.



Questa circolare e' presente in forma digitale sul Sito Internet: http://www.uiciechi.it/documentazione/circolari/main_circ.asp


 




Cari amici,

da piu' parti ed a piu' riprese, anche in sede congressuale, e' stata rappresentata la opportunita' di una capillare formazione dell'apparato dell'Unione, con particolare riferimento ai quadri associativi.

I continui mutamenti legislativi, dovuti alla presente congiuntura, ed al processo, in corso, di trasferimento delle competenze dalle amministrazioni centrali alle realta' territoriali, hanno infatti evidenziato una crescente difficolta' delle strutture dell'Unione a seguire tali mutamenti e ad adeguarvi il loro comportamento.

Da tale situazione la necessita' che i dirigenti associativi, in particolare Presidenti e Consiglieri delle Sezioni Provinciali, abbiano una formazione di base che consenta loro di interpretare correttamente la normativa da applicare, tenuto anche conto dei vincoli giuridici che all'Unione derivano dalla sua natura di Associazione di Promozione Sociale e di Onlus.

Avendo presenti tali esigenze la Presidenza Nazionale ha predisposto il progetto "Formazione dei quadri associativi" che ha ottenuto il finanziamento del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, nell'ambito delle risorse messe a disposizione dalla legge 283/2000.

Il progetto si svolgera' nel corso di 12 mesi, di cui i primi quattro destinati alla organizzazione, raccolta delle adesioni, impostazione della azione formativa, i successivi sette mesi destinati alla formazione vera e propria, e l'ultimo al monitoraggio dei risultati ed alla diffusione dell'iniziativa.

In base alla convenzione stipulata con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali il corso ha avuto avvio il giorno 21 luglio 2011, e dovra' percio' concludersi entro il 20 luglio 2012.

L'attivita' di formazione, che si svolgera' completamente on line, riguardera' le seguenti materie: bilancio sociale, legislazione contabile, statuto e regolamento generale dell'ente; legislazione statale e regionale sulle associazioni di promozione sociale; legislazione sulle organizzazioni non lucrative di utilita' sociale; trattamento fiscale dell'ente e formulazione degli atti contabili; normativa sul servizio civile; normativa sul diritto al lavoro dei disabili visivi; normativa in tema di previdenza e assistenza; leadership nelle istituzioni sociali; accesso al Fondo Sociale Europeo ed ai finanziamenti statali e regionali; modello di organizzazione; gestione e controllo; carta dei servizi e certificazione Iso; formulazione degli atti dell'ente; disabilita' visiva, accessibilita' informatica; dematerializzazione e firma digitale; normativa in tema di sicurezza sul lavoro; normativa in tema di tutela dei dati personali; normativa in tema di servizio sanitario nazionale (sussidi e ausili).

Per ogni argomento sara' predisposto materiale didattico che sara' registrato su supporti magnetici in formato Daisy; a tale scopo ogni struttura sara' dotata, a carico del progetto, di un apposito lettore Victor.

Ogni struttura territoriale vorra' comunicare:

- partecipanti (la partecipazione e' estesa al personale ed ai collaboratori)

- giorni ed orari preferiti per la formazione

- materie ritenute piu' adatte alle singole strutture.

Le comunicazioni dovranno pervenire entro il giorno 12 settembre 2011, utilizzando l'allegato questionario.

E' superfluo sottolineare la importanza della iniziativa e percio' la necessita' di una piena e convinta adesione di tutte le strutture territoriali.


 




Cordiali saluti


 




Il Presidente Nazionale

Prof. Tommaso Daniele


 


 


 


All.to 1


 




QUESTIONARIO


 




Progetto - Formazione dei quadri associativi.


 




Struttura........................................................


 




1. Partecipanti previsti


 


a) N. dirigenti

b) N. dipendenti

c) N collaboratori


 




2. Giorni preferiti per la formazione:


 


a) Orario preferito


 




3. Materie preferite:


 


* bilancio sociale

* legislazione contabile

* statuto e regolamento generale dell'ente

* legislazione statale e regionale sulle associazioni di promozione sociale

* legislazione sulle organizzazioni non lucrative di utilita' sociale

* trattamento fiscale dell'ente e formulazione degli atti contabili

* normativa sul servizio civile

* normativa sul diritto al lavoro dei disabili visivi

* normativa in tema di previdenza e assistenza

* leadership nelle istituzioni sociali

* accesso al Fondo Sociale Europeo ed ai finanziamenti statali e regionali

* modello di organizzazione

* gestione e controllo

* carta dei servizi e certificazione Iso

* formulazione degli atti dell'ente

* disabilita' visiva, accessibilita' informatica

* dematerializzazione e firma digitale

* normativa in tema di sicurezza sul lavoro

* normativa in tema di tutela dei dati personali

* normativa in tema di servizio sanitario nazionale (sussidi e ausili)


(Inserito il 25-08-2011)
«- Precedente    Successiva